Una viaggiatrice femminile solista in Iran

È iniziato quando una signora ci ha contattato e ha parlato del suo interesse a visitare l’Iran individualmente. Ciò è stato sorprendente e ha reso la squadra di Shokouh Iranian determinata a fare tutto il possibile per realizzarlo perché era una delle poche donne disposte a venire in Iran da sole. A causa della propaganda negativa e dell’incomprensioni sull’Iran e sugli iraniani, molte persone in tutto il mondo confondono ancora l’Iran con l’Iraq, la Siria o l’Afghanistan e hanno alcuni preoccupazione per la sicurezza e non lo trovano sicuro soprattutto per le donne.

Sembrava che questa signora avesse fatto i suoi studi e non avesse paura di viaggiare da sola. La sua unica preoccupazione era per il visto. Non era sicura di poter ottenere un visto. Le abbiamo assicurato che grazie alla recente stretta comunicazione tra l’Iran e i paesi europei, l’ottenimento del visto è stato facilitato e non ci sono limiti specifici nel processo. Alla fine ottenne il visto e lasciò Vienna a Teheran.

Il suo tour è stato diviso in una parte classica e in un’avventura. All’arrivo a Teheran, è iniziata la parte classica del tour. Una collezione di monumenti storici la attendeva a Teheran, Kashan, Abyaneh, Esfahan, Yazd e Shiraz. Ha scoperto monumenti e luoghi legati a diverse dinastie e regni attraverso l’antica civiltà della Persia tra palazzi, moschee, tombe e giardini. Quasi tutte le sere, è rimasta in case tradizionali ed ecolodge come Nartitee ecolodge a Taft, Yazd.

Dopo aver acquisito familiarità con la cultura e la civiltà dell’Iran, è stata portata nelle aree nomadi della provincia di Fars, dove ha vissuto con i nomadi e ha acquisito familiarità con il loro stile di vita. Ha bevuto e mangiato prodotti biologici con nomadi nella loro tenda e li ha aiutato a fare gli affari quotidiani come prendersi cura del bestiame, mungere e produrre prodotti lattiero-caseari.

Ha volato da sud a nord ovest dell’Iran per un’esperienza unica. Ha visitato i monumenti di Tabriz e poi è andata a Kandovan. Questo villaggio è assolutamente da vedere a causa delle case simili a grotte costruite nelle rocce. Quindi andò a Sara’yen, nota per le sue sorgenti termali minerali utili per la salute e la guarigione. Dopo una giornata rilassante a Sara’yen, la sua guida l’ha portata nel cuore delle aree della giungla di Talesh, Gilan. Ha pedalato, navigato e fatto trekking nelle strade della giungla e nelle zone umide. Si rilassò in un’accogliente casetta nella giungla e godersi l’aria fresca negli spazi verdi del nord dell’Iran.

Dopo aver attraversato le giungle e la zona umida di Siah Kashim, rilassato ascoltando il suono dei flussi della giungla, mangiando cibo locale e dormendo in una casa al mare sulla costa del Caspio, visitò Rasht e visitò il Museo del Patrimonio Rurale. È stata quindi trasferita all’aeroporto internazionale di Imam Khomeini per prendere il suo volo di ritorno a Vienna con ricordi di terra di meraviglie che ricorderà per sempre con affetto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

four × 4 =

Powered and Designed by Iranian Glory© copyright 2018 by Iranian Glory.